Prova il "Mi Piace" Di Google
28
November , 2022
Monday

Frasi Belle

Frasi Belle

La sua mano sarà contro tutti e quella di tutti contro di lui. Genesi 16, ...
Una vecchia battuta diceva che in Italia tra riformisti e rivoluzionari non c'è gran differenza: ...
Ogni vantaggio nel passato è giudicato alla luce dell'esito finale. Demostene L'uomo è lo zimbello più facile ...
La nascita di (...) mi ha sinceramente commosso/a. Non ho parole per esprimere la felicità ...
Il telegiornale ha preannunciato un improvviso abbassamento delle temperature per la notte dell’Epifania. Mi raccomando, ...

All’ora canonica

Posted by admin On ottobre - 29 - 2009 questa pagina è stata letta 5.637 volte

le ore canoniche erano quelle prescritte ai monaci e ai sacerdoti per i canti e le preghiere (mezzanotte, ore 24; mattutino, ore 3; prima, ore 6; terza, ore 9; sesta, ore 12; nona, ore 15; vespro, ore 18; compieta, ore 21). Il detto “all’ora canonica” viene adesso usato per indicare il tempo fissato per qualunque operazione o faccenda da compiere in un determinato momento.

Al tempo in cui berta filava

Posted by admin On ottobre - 29 - 2009 questa pagina è stata letta 3.933 volte

E’ un detto che viene usato tutte le volte che si vogliono evidenziare la semplicità dei costumi e il tenore di vita dei tempi antichi rispetto a quelli moderni, che hanno maggiori esigenze.

Affogare in un bicchier d’acqua

Posted by admin On ottobre - 29 - 2009 questa pagina è stata letta 4.987 volte

Detto riferito a chi si smarrisce facilmente nell’affrontare problemi di facile risoluzione.

Addio, cesare, quelli che stanno per morire ti salutano

Posted by admin On ottobre - 29 - 2009 questa pagina è stata letta 3.719 volte

(ave, Caesar, morituri te salutant) Così lo storico Svetonio, nella vita di Claudio, ricorda lo storico grido dei gladiatori che si apprestavano ad andare a combattere nell’arena pur sapendo di rischiare la morte.

Acqua passata non macina piu’

Posted by admin On ottobre - 29 - 2009 questa pagina è stata letta 5.332 volte

Con questa frase si vuole indicare l’inutilità di rimpiangere ciò che è stato e non può ritornare.